Vai al contenuto
Home » PropTech Updates – Innovazione nella gestione degli accessi Per Il Real Estate » PropTech » Il Community Management nel Real Estate

Il Community Management nel Real Estate

  • PropTech

Il real estate negli ultimi anni è stato interessato da un grande processo di rinnovamento. In particolare, abbiamo assistito alla nascita e diffusione di nuovi trend comunitari – sia residenziali che lavorativi – come Co-living, Cohousing, Senior Housing, Coworking.

Questi modelli, che hanno trovato rapido successo grazie all’utilizzo di soluzioni tecnologiche e digitali innovative e alla capacità di rimodulazione/adattamento degli spazi, stanno oggi facendo emergere le potenzialità insite nella gestione della comunità.

L’alto livello di interesse sul Community Management nasce proprio dalla presa di consapevolezza di come la corretta gestione di un prodotto immobiliare porta grandi benefici alla proprietà e agli utenti finali.

Per gli investitori significa un passaggio epocale dal “concetto di immobile” che comprendeva esclusivamente il “costruire”, a progetti che allargano il concetto a “costruire e gestire”.

Oggi la gestione dell’immobile non più vista come un’attività da evitare, ma al contrario da implementare, perché capace di valorizzare al meglio l’asset immobiliare, ottimizzando l’offerta per renderla sempre più vicina alle esigenze dell’utilizzatore finale e al contempo aumentando le possibilità di ricavi per i proprietari.

Accesso ai varchi con Smartphone con Sofia Locks Luckey

Community Manager: la figura chiave nei nuovi Trend del Real Estate

Il Community Manager è il ruolo che nasce a seguito della diffusione dei nuovi modelli comunitari e della conseguente necessità di avere una figura capace di occuparsi della gestione del complesso immobiliare, interfacciandosi sia con la comunità di utenti, sia con la proprietà.

I nuovi trend del Real Estate basano il loro successo sul concetto di comunità, flessibilità, integrazione di servizi, capacità di adattamento: aspetti che è indispensabile presidiare e gestire al meglio.

Perché è proprio la gestione che valorizza tutto il lavoro precedente di progettazione e costruzione dell’immobile e permette di mantenerlo profittevole a lungo.

Un Community Manager capace di svolgere bene i propri compiti garantisce lo sviluppo di una comunità più stabile, che si concretizza in più sicurezza per gli investitori.

Con il suo apporto contribuisce in modo determinante al successo (o meno) di un progetto immobiliare e questo lo rende una figura tanto richiesta sul mercato quanto ancora rara da trovare.

La difficoltà nel trovare Community Manager non dipende solo dall’essere una nuova professione, ma soprattutto dal fatto che si ricercano figure con elevate capacità di organizzazione, attente ai dettagli, capaci di avere una visione complessiva del progetto e immedesimarsi nelle diverse esigenze di clienti e proprietari.

Il ruolo del Community Manager per gli Utenti

I modelli caratterizzati da un alto livello di socialità e condivisione degli spazi soddisfano le nuove necessità delle persone di poter disporre di luoghi in cui vivere e lavorare, liberi da vincoli a lungo termine (come un mutuo) e con grande autonomia e flessibilità di utilizzo.

E all’interno di uno spazio comunitario la presenza di una figura di riferimento rassicura l’utenza, che sente ascoltate le proprie esigenze e può richiedere miglioramenti e nuovi servizi.

Preservare il valore del progetto immobiliare è l’obiettivo del Community Manager, perseguito oltre che tramite la capacità di ascolto attraverso vari altri compiti:

  • gestione e supporto amministrativo
  • individuazione di infrazioni e controllo sul rispetto delle regole
  • gestione delle manutenzioni periodiche e straordinarie
  • raccolta di feedback e reclami
  • presa in carico di problemi e loro risoluzione
  • sostituzione di servizi non soddisfacenti
  • attivazione di nuovi servizi a seconda delle esigenze espresse.
Sofia Locks Luckey per i Community Manager

Il ruolo del Community Manager per la Proprietà

I nuovi trend del real estate basano il loro successo su tre elementi chiave:

  • una realizzazione edilizia già proiettata nel futuro, che abbraccia a pieno il PropTech
  • una progettazione che, anche se si tratta di immobili, riesce a prevedere un ampio ventaglio di dinamicità degli spazi, rendendoli più flessibili e capaci di soddisfare esigenze che cambiano nel tempo
  • una gestione capace di valorizzare costantemente l’asset immobiliare.

È su quest’ultimo punto che il Community Manager svolge un ruolo cruciale, con un impatto diretto sul successo del progetto.

Il suo compito principale è quello di abbattere le distanze tra le parti, osservando come gli utenti (i clienti) utilizzano gli spazi e ascoltando lo loro richieste, diventando “occhi e orecchie” della proprietà, a cui può indicare:

  • situazioni problematiche che necessitano rapido intervento, così da mantenere alto il grado di soddisfazione degli utenti e ridurre al minimo la possibilità di abbandono degli spazi;
  • necessità e bisogni espressi dagli utenti, così da ampliare e diversificare i servizi offerti, aumentando le fonti di ricavo.

Inoltre, se supportato dalla giusta tecnologia, l’impatto del Community Manager può diventare straordinario.

Ottimizzare la Gestione del Progetto Immobiliare

Come dicevamo all’inizio dell’articolo, soluzioni tecnologiche innovative e smart hanno un impatto fondamentale nel successo dei progetti immobiliari legati a spazi condivisi.

L’integrazione tra i sistemi digitali utilizzati nell’edificio e una piattaforma software intelligente, permette di avere un controllo e una gestione che solo fino a pochi anni fa sarebbe sembrata fantascienza.

E tutto quello che avviene nel complesso immobiliare può essere convertito in dati che supportano il Community Manager per:

  • mantenere sicuro l’immobile senza per questo limitarne la flessibilità di accesso e l’accoglienza
  • ridurre la friction degli utenti nell’utilizzo degli spazi sia grazie a interfacce semplici da usare, che grazie a strumenti adatti all’assistenza remota
  • avere una visione di quello che accade a breve e medio termine e fare previsioni per il lungo termine
  • sviluppare strategie per migliorare continuamente la gestione sociale e la qualità del servizio percepita, e al contempo aumentare e ottimizzare i flussi di entrate per la proprietà
  • tenere sotto controllo i consumi
  • adottare interventi di manutenzione predittiva e, in caso di emergenza, tempestiva
  • interpretare i valori numerici unendoli alla propria esperienza diretta, aggiungendo significato e peso al dato “puro” (ad esempio: in un coworking, se i dati indicano un utilizzo ridotto di una sala riunioni si potrebbe pensare di convertirla in altri spazi… ma se non si tiene presente che quella sala è utilizzata dall’azienda che affitta la maggior parte delle postazioni, si rischia di perdere un cliente vitale).

Un valido Community Manager che dispone di dati completi e centralizzati è in grado di dare un contributo significativo per raggiungere un eccellente livello di gestione e ottimizzazione dell’intero progetto.

Data Analytics per il real estate con Sofia Locks Luckey

Il futuro dei nuovi modelli di business del Real Estate

Stiamo attraversando un periodo di grandi sfide e cambiamenti, con una situazione economica generale che minaccia pesanti ripercussioni anche nel Real Estate.

Di contro, proprio i modelli immobiliari che abbiamo visto in questo articolo, caratterizzati da condivisione di spazi, ampia flessibilità e concepiti per essere gestiti al meglio sono quelli che più hanno una domanda in continua crescita e offrono ottime opportunità agli investitori.

Il Community Manager, con le sue capacità relazionali, di osservazione e supportato da un’ampia base di dati, svolge un ruolo significativo nell’allungare la vita del progetto, mantenendolo redditizio e guadagnando la piena soddisfazione dell’utente.

Gli strumenti digitali permettono al community manager di operare con la proprietà e fornire indicazioni precise sull’utilizzo degli spazi, su eventuali situazioni da tenere sotto controllo, sui servizi che gli utenti richiedono o che non richiedono, ottimizzare l’offerta, soddisfare maggiormente il cliente e aumentare così il suo lifetime value.

Sofia Locks ha sviluppato negli ultimi anni soluzioni tecnologiche innovative e in continuo aggiornamento, distinguendosi come partner d’eccellenza per la progettazione, lo sviluppo e la possibilità di gestione specifica per i nuovi modelli di business del Real Estate.

Clicca qui per parlarci del tuo progetto e approfondire tutti i benefici delle nostre soluzioni.